Come creare supporto installazione Windows 10

Benvenuti in questo nuovo articolo, molto probabilmente diversi blog ne hanno già parlato ma ci teniamo anche noi a scrivere qualche riga riguardo a come creare supporto installazione Windows 10.

Primi passi per creare supporto installazione Windows 10.

La prima cosa che dobbiamo fare è accertarsi che il nostro computer, che sia un desktop o notebook possa soddisfare i requisiti minimi per fare questo aggiornamento o nuova installazione. Verificare quindi che abbiamo sufficiente memoria ram disponibile (1 GB per le versioni a 32bit, 2 GB o meglio 4 GB per le edizioni a 64bit). Fatto questo consigliamo di avere almeno 30 GB disponibili come spazio di archiviazione disco ed un processore recente da almeno 1 GHZ o meglio 1,4 GHZ. Teniamo a precisare che questi elencati sopra sono requisiti di base, per sfruttare al meglio il nuovo sistema operativo, dovremmo disporre di almeno 8 GB di RAM e un disco allo stato solido da 120-240GB (SSD).

Scaricamento del sistema operativo per creare il supporto di installazione di Windows 10.

Come creare supporto installazione Windows 10Qui possiamo attenerci a due tipi di soluzione, o direttamente dal sito Microsoft o in via del tutto alternativa (per avere tutte le edizioni) da fonti esterne tipo il nostro consigliatissimo portale Turbolab.

Cosa molto essenziale è che prima di fare questo, dobbiamo possedere una chiavetta USB (8 GB) o un DVD vergine nel quale andremo a fare le seguenti operazioni.

Sia il sito di casa madre che Turbolab hanno ha disposizione un importantissimo tool che ci permetterà di masterizzare il nostro supporto in modo del tutto semplice.

Media Creation Tool ci permetterà non solo di creare il nostro supporto ma anche di scaricare la versione di Windows 10 già installata sul nostro PC con poi dei semplici step da seguire a scaricamento avvenuto che ci consentiranno di ultimare la nostra procedura.

Rufus come alternativa per come creare questo supporto.

Come creare supporto installazione Windows 10Rufus è un’altro utile strumento per creare supporto installazione Windows 10, da qui possiamo personalizzare la nostra installazione per quanto riguarda lo schema di partizione, sistema di destinazione e il file system. Ovviamente su macchine un pò obsolete consigliamo lo schema (MBR) e (BIOS UEFI). Invece per nuovi computer possiamo consigliare di utilizzare come schema (GPT) e per il sistema solamente (UEFI).

Una volta che il nostro supporto è pronto, possiamo procedere a spegnere il nostro dispositivo, inserire la chiavetta USB nel nostro PC sul quale lo andremo ad installare e non appena abbiamo riacceso, iniziare a premere ripetutamente i “tasti” per accedere al boot da unità esterna.

I tasti per fare boot da esterno possono variare e il nostro sistema potrebbe anche essere protetto da questa opzione di avvio. Per esperienza nostra se avete un portatile HP dovete premere il tasto ESC, in modo da interrompere l’avvio e vedere quali opzioni disponibili abbiamo. Su un PC fisso spesso i tasti da premere sono F12 – F11 – F8 (sistemi più obsoleti). Per la disattivazione del sistema di protezione di boot di avvio dovete accedere nel vostro BIOS e disabilitare la sicurezza di boot.

Se avete difficoltà nelle eseguire queste operazioni potrete sempre contattarci per risolvere qualsiasi tipo di problema.

Consigliamo in ultimo di fare un backup dei dati prima di fare qualsiasi operazione di installazione.

About Fabio

Call Now Button